Libro Aperto

Libro Aperto
libro Aperto

venerdì 6 marzo 2020

2020 Anello Sieci - Monteloro n.4 + GEO A

Sentiero Saint  Genis  Laval  "Pievi e tabernacoli"
Sieci - Convento di Gricigliano - Monteloro - Molin del Piano - Poggio Carpineti - Sieci

Cartoguida 1:10000 da richiedere alla sezione C.A.I di Pontassieve   
Ore cammino: 4,30    Difficolta: E    km: 12,3




DESCRIZIONE  DEL 2007
L'itinerario inizia dalle Sieci, in piazza Albizi, il sentiero da seguire è il n.4 che inizia a salire quasi subito: al primo tabernacolo che incontriamo,continuiamo fino a Gricigliano bel convento Benedettino sorto come villa per volere della famiglia Martelli alla fine del cinquecento. Sempre in salita arriviamo a Monteloro, continuiamo seguendo sempre il sentiero n.4. Da qui inizia la parte in discesa fra balze e macchie boscose fino a trovare Molin del Piano. Dopo averlo percorso fino alla seconda piazza (alla nostra sinistra edificio scolastico), sulla nostra sinistra in salita prendiamo il sentiero Geo A costeggiando campi coltivati per poi entrare nel  bosco dove il sentiero risale ripidamente fino alla cava di pietra dismessa di Poggio Carpinete. Da qui in discesa, arriviamo alle Sieci dalla parte del cimitero e della stazione ferroviaria, passati i quali, arriviamo in piazza Albizi da dove abbiamo iniziato il nostro giro.

DESCRIZIONE: tratta ed rielaborata da me, dalla mappa 1:10000 del CAI Pontassieve, Comune di Pontassieve e gruppo GEO.

L'itinerario inizia dalla stazione FS delle Sieci, segnavia 4, dove vi è un ampio parcheggio per le auto, oppure da Piazza Albizi, dalla quale si giunge subito all'antica chiesa di San Giovanni Battista a Remole.
Sull'antico selciato antistante, in ciottoli levigati, si apre uno strettissimo vicoletto che ci porta direttamente sul fiume. Qui siamo all'ombra di un maestoso albero e di un'antica torre in pietra chiara, dagli abitanti chiamata Torre del Mea. Percorriamo un tratto pedonale di lungarno, ci immettiamo su un marciapiede lungo lo via Aretina, passiamo il ponte sulla confluenza del Sieci in Arno, svoltiamo a destra, e imbocchiamo una stradina dal nome suggestivo "Via della Fonte”.
Oltrepassato un sotto passo ferroviario, la stradina si allarga. La strada prosegue asfaltata in leggera salita, sul versante destro del torrente. Dove finiscono le ultime villette inizia lo sterrato, aumentando lo pendenza. Prima di entrare nel bosco si oltrepassa un primo tabernacoloEntrati nel bosco, appena scavalcato il torrente che fuoriesce dall'orrido di Gricigliano, lasciamo la stradetta, che prosegue per Montefoco - Molin del Piano, sent. 4a CAI, per imboccare il sentiero 4 ben segnato alla nostra sinistra, in salita. Il sentiero sbuca
all'improvviso lungo il bordo inferiore di una vigna nascosta e cinta su tutti i lati dal bosco, poi rientra nel bosco. Scavalcato un ruscelletto, il sentiero percorre ora il limite inferiore del grande prato che si stende, in declivio, fuori dell'edificio di Gricigliano: a sinistra l'orrido, a destra il muro della balza di contenimento del grande prato (che dunque risulta non visibile perché più in alto rispetto al sentiero). Dopo circa tre quarti d'ora di cammino ci troviamo presso la grande, bella struttura del Convento di GriciglianoFuori del Convento, ma nel senso opposto al nostro, sull'altro lato della conca coltivata, si trova un secondo tabernacolo. Il sentiero riprende a salire e dopo aver costeggiato il confine di proprietà di un paio di villette, esso punta più dritto. Ci troviamo adesso a camminare lungo un percorso esclusivamente paesaggistico, all'interno di un bosco misto. Proseguendo arriviamo a ricongiungersi sul crinale nei pressi dell'antica chiesa romanica di S. Giovanni Battista a Monteloro: raggiungibile in breve deviando a destra lungo la strada asfaltata in salita, presso la quale sorgeva un castello dei vescovi di Fiesole, già diruto nel 1427. Fatti pochi passi siamo nell'abitato di Monteloro dove troviamo il terzo ed ultimo tabernacolo. Prendiamo a destra in discesa continuando con il segnavia n 4 che fra balze e macchie boscose punta verso la valle di Molin del Piano sfiorando le vigne dell'antica Fattoria Tornaquinci, fino a spianarsi in una stradetta che costeggia un casolare ora abbandonato. La stradicciola sbuca infine sulla tangenziale di Molin del Piano, nei pressi del punto di innesto superiore con la vecchia asfaltata. Volendo è possibile abbreviare il percorso di ritorno a Sieci seguendo il sentiero 4a Cai sulla destra poco a monte della strada asfaltata.
L'itinerario principale prevede invece di attraversare l'abitato di Molin del Piano. 
Attraversate le due piazze principali del paese, una in lieve pendenza con un monumento ai caduti, l'altra riconoscibile per un edificio scolastico alla nostra sinistra, passeremo su un ponte. Qui lasceremo la via principale seguendo l'itinerario del Geo A, a sinistra. All'inizio la strada, subito erta e con curve, punta all'antica Fattoria di Valiano. Qui giunti, imbocchiamo il sentiero che, spianando e passando fra campi coltivati, punta al bosco. All'improvviso ci ritroviamo in un ambiente esclusivamente forestale, il sentiero ricomincia a salire con pendenza crescente, fino a girare intorno al rudere di una casetta e dei serbatoi per l'acqua.
In questo punto usciamo dal bosco, e quasi scalando un costone arriviamo nei pressi della vecchia cava di pietra di Poggio Carpinete, dismessa da tempo. Il sentiero rientra in un bosco misto di querce, ricominciando a scendere, per uscirne ali 'improvviso, trovandoci così a costeggiare la prima casa delle Sieci. Il sentiero ora torna ad essere una sterrata carrozzabile che discende abbastanza rapidamente, sfiora una seconda casa isolata, poi incrocia l'abitato di quella zona delle Sieci che i locali conoscono come "il Giani". Seguiamo la segnaletica e risaliamo brevemente verso un 'altra bella casa in posizione panoramica sulla valle dell'Arno, rilasciamo la strada (che nel frattempo é diventata asfaltata), seguiamo il sentiero che adesso passa per i campi, e finiamo la discesa costeggiando il cimitero delle Sieci. Passando sotto la ferrovia e ci ritroviamo in breve alla Stazione FS delle Sieci e in Piazza degli Albizi, concludendo così l'anello.

DATI GPS















VIDEO IN 3D DEL PERCORSO