Monastero San Juan de la Pena Spagna

Monastero San Juan de la Pena Spagna
Monastero San Juan de la Pena Spagna

domenica 30 settembre 2012

Traversata da Marradi a San Benedetto in Alpe

Alla stazione ci ritroviamo tutti, conoscenti e persone nuove. Il  treno è di sole tre carrozze  e oltre a noi c'è  un  gruppo di americani, così facciamo il pieno.
Alla stazione di Marradi, scesi dal treno, capiamo subito che la giornata non sarà soleggiata, tutt'altro, infatti la nebbia e qualche scroscio d'acqua non ci permetteranno di ammirare i panorami che il percorso attraversa.
Ma il camminante o pellegrino sa che da tutto questo potrà comunque ricavare sensazioni nuove.




DATI GPS


















martedì 25 settembre 2012

Bobbio Pavia....camminare e scoprire.



Nella ricerca della via, si è tenuto presente quanto scrive lo storico dei Longobardi Paolo Diacono che, nella sua “Historia Langobardorum”, colloca Bobbio distante da Pavia 40 miglia (pari a circa 60 chilometri), e si é individuato quindi l’itinerario che più si avvicina a tale indicazione, tenendo conto dei luoghi in cui risalire a memorie longobarde, alto-medievali o del Monastero di Bobbio, anche senza un puntuale riferimento alla traslazione del corpo di San Colombano da Bobbio a Pavia. I monaci del Monastero di Bobbio, infatti, guidati dall’abate Gerlanno, nei giorni 17, 18 e 19 luglio dell’anno 929, trasportarono le reliquie di San Colombano attraverso un percorso leggermente più lungo, da Bobbio a Pavia, studiato appositamente allo scopo di rivendicare davanti al re Ugo di Provenza i beni del Monastero, usurpati dal vescovo di Piacenza Guido e da altri feudatari. La via individuata (passando per Caminata, Pometo, Canevino, Cella e altre località storiche) è lunga 71,53 km. e può considerarsi il prolungamento della Via degli Abati, che diventa in tal modo la Variante Appenninica della Via Francigena, congiungendo Pavia e Bobbio a Pontremoli.
Si stanno prendendo i contatti con i vari enti interessati per arrivare a pubblicare, anche per il tratto Pavia-Bobbio, una Cartoguida a colori, in scala 1:25000 con l’aggiunta di notizie di carattere storico, artistico ed ambientale sui territori dei Comuni attraversati, come già per il primo tratto Bobbio-Pontremoli. Diversi Sindaci hanno commentato favorevolmente l’iniziativa.
Particolare interessante: la Via degli Abati è stata inserita nella mappa delle vie storiche della Toscana, quale variante appenninica per raggiungere la pianura padana. Diventa evidente quindi l’importanza del prolungamento fino a Pavia della Via degli Abati nel quadro dei percorsi tra Toscana e Lombardia e verso l’ Europa nord-occidentale..



VIDEO




FOTO

Per la guida e le tracce GPS contattate 
CRONACHE DI CAMMINI 
 cronachedicammini@gmail.com

domenica 2 settembre 2012

Sentiero della Memoria da Rufina alla Consuma

Camminata nei comuni di Pontassieve, Rufina e Pelago.
Il sentiero della memoria SM è nato dalla collaborazione dei Comuni citati con la Sottosezione del C.A.I di Pontassieve.
Aprendo il link si trova tutto quello che ci occorre.
Posso solo aggiungere che il tratto fatto da noi, Rufina - Consuma, si svolge in un territorio di notevole valore paesaggistico, storico e culturale.
Lungo il percorso tocchiamo tre luoghi degli eccidi avvenuti per mano della furia nazifascista nell'ultimo conflitto mondiale nelle frazioni di Berceto Podernovo e Lagacciolo.
Nel comune di Pontassieve altro luogo della memoria è Pievecchia, che ci proponiamo di visitare in
seguito, percorrendo il tratto da Pontassieve alla Rufina.

DESCRIZIONE:  
Iniziamo il nostro cammino  dalla stazione ferroviaria della Rufina, da cui usciamo prendendo a sinistra la strada principale  del paese.
Poco dopo la piazzetta del Comune  giriamo a destra per entrare in piazza Trieste dove c’è l’edicola dei giornali e subito dopo, attraversiamo  diagonalmente piazza Umberto I.
Seguendo i segni bianco rossi arriviamo al ponte sul torrente Rufina che attraversiamo per poi girare a destra.
Continuiamo dritti accanto al fiume che sta alla nostra destra fino a un bivio segnalato dove giriamo a sinistra e iniziamo a salire per strada sterrata, che poco dopo ritorna asfaltata.
Superiamo alcune case sparse e poi lasciamo l’asfalto per proseguire su viottole di campo tra  gli olivi tenendosi sulla sinistra. A un certo punto in salita fare attenzione ad un paletto con i segni bianco rossi perché dobbiamo lasciare il tracciato più evidente per piegare a destra in leggera discesa in direzione del bosco che costeggiamo risalendo lungo il campo fino a deviare sulla destra ed entrare nel bosco. Proseguiamo con continui saliscendi che rappresentano la parte più dura del percorso.
Dopo poco più di un’ora di cammino arriviamo a S.Gilio, dove possiamo approvvigionarci di acqua. Aggiriamo il piccolo complesso di case coloniche abitate e  proseguiamo su strada bianca con altri saliscendi fino ad attraversare un piccolo rio e risalire fino ad un vigneto chiuso da filo elettrificato. Costeggiamo a sinistra  la recinzione passando sul terrapieno scosceso e disagevole  e dopo poche centinaia di metri scendiamo sulla strada bianca ritrovando i segnali bianco-rossi.
Il percorso continua in salita fino a incrociare un’altra strada bianca che prendiamo a sinistra sempre in salita. In alto possiamo ammirare un bellissimo casolare ristrutturato.
Raggiungiamo la chiesetta di Pinzano, passiamo davanti a un tabernacolo ed entriamo nel borgo medievale di Pinzano dove c’è una fonte  di acqua.
Usciti dal borgo prendiamo sulla destra una strada bianca che poi si fa sentiero e sale nel bosco per poi uscire di nuovo su strada asfaltata.
Seguendo i segnavia bianco rossi raggiungiamo la Pieve di Pomino che superiamo per girare a sinistra e salire in mezzo alle case fino ad una carrareccia che prendiamo sulla destra.
Si arriva così ad un altro grande vigneto che costeggiamo sulla sinistra per poi arrivare al borgo di Berceto, primo luogo della memoria, dove la furia nazi-fascista fece strage di civili e di partigiani.
Superato Berceto attraversiamo sulla sinistra un ponticello dove un cartello ci indica che siamo sulla Strada Romana dei Fossi. Il percorso, che si inoltra nel bosco, è fiancheggiato da una via crucis e conduce ad una cappella dedicata a SanFrancesco. Qui ci sono alcune panchine per la sosta e una lapide indica che nei pressi c’è una fonte d’acqua fatta scaturire dal santo.
Riprendiamo il cammino sempre in salita fino ad un incrocio: a sinistra la chiesa di S.Maria del Carmine ai Fossi e a destra il sentiero CAI n. 5  che da qui per un bel tratto si sovrappone al Sentiero della Memoria (SM).
Saliamo quindi in un bel bosco fino ad un bivio: a sinistra si va direttamente alla Consuma seguendo il sentiero CAI n. 5; a destra si prosegue sul Sentiero della Memoria, con il quale si arriva alla S.S. n. 70. La prendiamo sulla destra in direzione Firenze e poco dopo la si lascia sulla sinistra per proseguire nel bosco su strada bianca.
Il Sentiero della Memoria ci conduce prima a Podernovo e poi a Lagacciolo, altri due luoghi dove nell’agosto del 1944 i nazisti trucidarono le popolazioni inermi che vi si erano rifugiate.
Da Lagacciolo, si torna indietro e, riprendendo la salita nel bosco, si arriva in poco più di mezz’ora alla Consuma seguendo i segnavia SM  e CAI n. 6.






ALTIMETRIA e DATI

       

 

 

 

 

 

 

difficoltà:        medio

tempo totale: 7 ore 

chilometri :     22 

recorded        31 agosto 2012




GPS: