Sutri

Sutri
Sutri affreschi chiesa rupestre

giovedì 23 giugno 2022

2022 Consuma Bivacco Soglio Consuma

 



CONSUMA  BIVACCO SOGLIO  CONSUMA
22 giugno 2022

PERCORSO
Consuma m 1028 - Tabernacolo m 1110 - Croce di Legno m 1096 - Bivio per bivacco Soglio m 1067 - Bivacco Soglio m 1024 - Consuma

DESCRIZIONE di come arrivare al punto di partenza
Si prende per Pontassieve e qui si segue la SR70 indicazioni per la Consuma.

DESCRIZIONE
Lasciamo l'auto poco prima del passo [wp01] e torniamo indietro fino a girare a sinistra in Piazza Giorgio la Pira [wp02] dove seguiamo il segnavia n.00 ,inizialmente su asfalto per poi divenire strada forestale. Arrivati a un tabernacolo [wp03] prendiamo a destra sempre il segnavia n.00 [a sinistra inizia il segnavia n.25]. Continuiamo per altri km 1,5  fino a trovare una Croce di Legno [wp04]. Qui abbiamo due possibilità: entrare a sinistra nel bosco e dopo 300 m circa girare a destra su sentiero [wp05] [fare attenzione perché non ci sono segnalazioni, per il momento unico riferimento è una catena Oppure continuare su strada a sinistra arrivando ugualmente al bivio [wp05] Percorriamo in discesa nel bosco di faggi e abeti per altri 825 m e si raggiunge il Bivacco Soglio [wp06]. Il bivacco è attrezzato con un tavolo e due posti letto, inoltre ha un bel cammino.
Breve sosta e prendiamo a destra in discesa e percorsi km 1,1 arriviamo sulla strada asfaltata, che prendiamo a destra [wp07]. La percorriamo per km 1,4 circa e arriviamo a un bivio cartellonistica sentieri. Qui proseguiamo dritto [wp08] su strada asfaltata, ora segnavia n.6 e SM, la percorriamo per m 910 circa e giriamo a destra [wp09] su sentiero che ci porta alle prime case della Consuma e infine sulla SR70 dove giriamo a destra [wp10] per arrivare al punto di partenza.

CARTA NUOVA: DreAM n 3 - FIRENZE e VAL di SIEVE
ORE CAMMINO: 3       KM: 9,3
DIFFICOLTA: T / E
DISLIVELLO: m 256    ALTITUDINE MASSIMA: m 1117   ALTITUDINE MINIMA: m 939





VIDEO PERCORSO IN 3D

venerdì 10 giugno 2022

M. MORELLO LE TRE PUNTE 2022

MONTE MORELLO LE TRE PUNTE
8 giugno 2022



Noi Fiorentini abbiamo una grande fortuna, quella di poter scegliere "itinerari a km 0".
Monte Morello è uno di questi.
Esagerando io lo chiamo: "la nostra foresta amazzonica", da questa video sotto, ditemi se sbaglio.






DESCRIZIONE di come arrivare al punto di partenza da Firenze
Si prende il viale XI agosto e andiamo in direzione di Sesto Fiorentino. Dopo il cimitero giriamo a destra e seguiamo le indicazioni per la panoramica. Colonnata, Morello, Rif. Gualdo e infine il posteggio a Fonte dei Seppi, dove lasciamo l'auto.

DESCRIZIONE
Mercoledì passato si era deciso di non andare a camminare, ma nella notte mi è venuto alla mente che in terza punta avevano messo una nuova croce e cosi alle ore 6 mi sono svegliato e preso una borraccia d'acqua sono partito per Fonte dei Seppi. 
Alle 7 ero già al parcheggio. Seguendo lo n.00 alle 7:50 ero già alla croce di Poggio Casaccia.
Breve sosta e continuo con lo n.00 di crinale, passo la seconda punta e in breve sono alla Selletta. Da qui inizio la salita per la terza punta che  raggiungo poco dopo, sono in cima a Poggio all'Aia.
La nuova croce non è grande, ma a parer mio molto bella: semplice, fatta in legno e sorretta da un ferro.
Il rientro l'ho fatto dal segnavia n.11, tutto nel bosco ma attualmente disagevole, stretto e quasi sempre in contropendenza, alcune frane hanno fatto il resto. La prossima volta passo da un altro sentiero.

CARTA NUOVA: DreAM 03 FIRENZE e VAL di SIEVE 
ORE CAMMINO: 3       KM: 8,4
DIFFICOLTA: E
DISLIVELLO: m  395      ALTIMETRIA MASSIMA: m 934       ALTIMETRIA MINIMA: m 568







giovedì 2 giugno 2022

2022 Montagnola Senese Scorgiano Villa Bichi - M. Maggio



SCORGIANO VILLA BICHI BORGHESI
01 maggio 2022

PERCORSO
Scorgiano [villa Bichi Borghesi] - Case Santo Monti - Poggiarello - Montauto - Casa Giubileo - M. Maggio - Case Alteri - Cappella San Michele a Nagli - Scorgiano.

DESCRIZIONE di come arrivare al punto di partenza da Firenze
Si prende la Firenze Siena e si esce a Colle Val d'Elsa sud. Prendiamo la SP541 che seguiamo fino a trovare a sinistra il bivio con la SP101 che ci porta fino a Scorgiano Villa Bichi Borghesi, dove in un prato adibito a parcheggio lasciamo l'auto.

DESCRIZIONE
L'anello inizia da Scorgiano con il segnavia n103 che percorriamo su strada asfaltata fino a incontrare Case Santo Monti e Poggiarello. Da qui inizia il sentiero sterrato nel bosco sempre segnavia n.103 che ci porta a Montauto e prosegue fino a trovare Casa Giubileo. Qui seguiamo il n.100 che arriva a Monte Maggio, massima elevazione odierna, e prosegue fino a Case Alteri [ruderi]. Qui lasciamo il segnavia 100 per prendere il n.105 che in discesa ci porta fino alla Cappella di S. Michele a Nagli [ruderi] e infine a Scorgiano.

CARTA NUOVA: MAPTREK Italia Montagnola Senese 1:25000
ORE CAMMINO:  6      KM: 13,6
DIFFICOLTA: E
DISLIVELLO: m 454       ALTITUDINE MASSIMA: m 641      ALTITUDINE MINIMA: m 255





       
    Case Alteri


CASA GIUBILEO 1944: LA RESISTENZA SUL M. MAGGIO
Nella primavera del 44 il M. Maggio fu teatro di uno fra i più feroci episodi di violenza fascista registrati in terra di Siena. Il 28 marzo, a termine di un rastrellamento che era stato condotto dalla milizia per intercettare i distaccamenti partigiani dislocati sulla montagna, un gruppo di partigiani venne localizzato e accerchiato all’interno di Casa Giubileo. Si trattava di un distaccamento che aveva compiuto le ultime azioni a Montieri (al confine fra la provincia di Siena e quella di Grosseto), ed aveva scelto Casa Giubileo come base operativa dalla quale organizzare nuove azioni di guerriglia e sabotaggio della viabilità e della linea ferroviaria fra Siena e Firenze. All’alba del 28 marzo Casa Giubileo fu circondata da un numero di fascisti superiore di circa 10 volte quello dei partigiani che avevano trovato posto nelle stalle e nell’essiccatoio del podere ed in tre capanni dislocati a poche centinaia di metri dagli edifici. Due furono le vittime dello scontro e delle prime rappresaglie. I loro nomi sono ricordati nella piccola croce alla memoria posta nel prato davanti al podere: Enzo Busini e Giovanni Galli. I sopravvissuti furono fatti marciare fino alla vicina località della Porcareccia e li trucidati a colpi di mitragliatrice: complessivamente i morti furono 19. Alla cattura erano sfuggiti: Walter Bianchi, Edoardo Branconi e Luigi Turbini.

 

MONTAUTO
Fu uno dei castelli appartenenti alla potente famiglia dei Lambardi di Staggia, fondatrice di molti insediamenti fortificati della zona, tra cui l’importante Abbadia a Isola, monastero benedettino dell’XI secolo. Per questo e altri motivi esso si trovò per lungo tempo al centro di diatribe politiche e patrimoniali tra i monaci dell’Abbadia, famiglie aristocratiche senesi ed il Comune di Siena.
Restaurato recentemente ed adibito ad abitazione privata, del castello sono oggi visibili tratti della cintura muraria e alcuni paramenti, in cui rimangono le tracce dell’antico insediamento fortificato e della chiesetta tardo - romanica di San Biagio.

CAPPELLA DI SAN MICHELE A NAGLI
Una romantica piccola chiesa in stile romanico nascosta fra gli alberi. Purtroppo attualmente rudere.

GEOLOGIA: IL CALCARE CAVERNOSO
Tutti gli insediamenti medioevali presenti sulla montagnola sono stati costruiti con una pietra particolare, il calcare cavernoso. Si tratta di una pietra calcare bianca o grigia con una superficie molto liscia, dura, particolarmente resistente ed adatta ad essere lavorata. Il suo utilizzo come materiale da costruzione per Pievi e Castelli è dunque testimonianza di una pratica comune nel medioevo, quella di servirsi della materia prima più facilmente reperibile per costruire gli edifici. Questo metodo permetteva un evidente risparmio di tempo e manodopera.
descrizioni  prese dai pannelli informativi dislocati nelle località toccate.

VIDEO PERCORSO IN 3D

giovedì 19 maggio 2022

GATTAIA STAZIONE FS FORNELLO 2022




GATTAIA STAZIONE FS DI FORNELLO
18 maggio 2022

DESCRIZIONE di come arrivare al punto di partenza da Firenze
Si prende la via Faentina e arrivati a Borgo San Lorenzo si prende la SP551 per Vicchio. Poco prima si gira a sinistra per Pilarciano e Gattaia dove in fondo al paese lasciamo le auto sulla strada che è già segnavia n.56.

DESCRIZIONE
Il programma di mercoledì era di fare un lungo anello, che parte da Gattaia con il segnavia n.56 tocca Fornello e proseguendo su un tratto fluviale sul torrente Muccione con diversi guadi, usciva in alto in località Le Casette. Si prosegue ancora con il n.56 e si arriva sul segnavia n.00 La Giogana. Poco dopo continuiamo su n.00 e n.32 girando a sinistra. Arriviamo a C. Riseccoli e dopo poco lasciamo lo 00 per prendere a sinistra il n32 e 34  e poco dopo girando ancora a  sinistra ci troviamo sul  n.32 che toccando in sequenza: Montolano, Capanna Galeotti, M. Gattaia, scende fino a Gattaia paese concludendo l'anello.

1. Purtroppo la tanta acqua che aveva il Muccione ci ha fatto desistere e ci siamo accontentati di arrivare alla stazione dismessa di Fornello. 

2. Arrivati alle macchine abbiamo deciso di integrare la giornata con un piccolo cammino che abbiamo iniziato dalla interruzione della strada che da Gattaia porta a Madonna dei tre fiumi fino al santuario. Dopo aver pranzato col solito panino siamo tornati indietro fino alle macchine.

TRATTO 1
CARTANUOVA: DreAM 01 APPENNINO FIORENTINO e 02 MUGELLO
ORE CAMMINO: 2,30       KM: 5
DIFFICOLTA: E
DISLIVELLO: m 291       ALTIMETRIA MASSIMA: m 529        ALTIMETRIA MINIMA: m 366





TRATTO 2
CARTA:
ORE CAMMINO:       KM: 7
DIFFICOLTA: T
DISLIVELLO:  m 195      ALTIMETRIA MASSIMA: m 496       ALTIMETRIA MINIMA: m 403



 

VIDEO 3D DEL PERCORSO GATTAIA FORNELLO

mercoledì 11 maggio 2022

VIA DEGLI DEI NOVA ARBORA M. ADONE BRENTO



VIA DEGLI DEI M. ADONE
11 maggio 2022
Questo percorso è stato fatto anche nel 2013

DESCRIZIONE di come arrivare al punto di partenza da Firenze
Usciti dalla A1 al casello di Sasso Marconi, seguire le indicazioni per Badolo e dopo 200 metri prendere a destra la SP 58. Saliamo con diversi tornanti passando da Battedizzo e Badolo, giunti alla tabella del km 10, a sinistra c'è l'ingresso del B&B Nova Arbora. Cercate uno spiazzo per lasciare la vostra auto e buon cammino.

DESCRIZIONE
Dall'ingresso del B&B torniamo per 100 metri indietro sull'asfalto in direzione di Sasso Marconi, svoltiamo a sinistra su strada bianca, cartellonistica segnavia CAI n110, la percorriamo fino a trovare sulla destra uno stradello [cartellonistica CAI] e lo seguiamo evitando deviazioni fino a salire a Costa ai Frati [ampio prato panoramico]. Continuiamo passando accanto a una casa B&B sulla nostra destra, la superiamo e scendendo arriviamo a un bivio sulla destra [cartellonistica]: siamo al punto che ci permette di scegliere di salire al M. Adone  oppure aggirarlo continuando su strada bianca  fino a Brento. Visto che il nostro obbiettivo è il M. Adone seguiamo a destra la strada prima in leggera salita e poi in discesa, per poi risalire sulla sinistra dove inizia il sentiero a gradoni [segnaletica Adone e Brento], molto ripido che  porta sul M. Adone.
Il sentiero per raggiungere la cima è molto bello e panoramico; alcuni punti richiedono un po' di attenzione.
Dalla cima si dominano quasi tutti i luoghi del passaggio della Via degli Dei : Monzuno, Monte Venere, il Passo della Futa. Se l'aria è limpida si possono scorgere le cime più alte dell'Appennino: Corno alle Scale, Monte Cimone e Cusna.
Dopo la foto di rito in vetta, scendiamo per gradoni fino al prato dove c'è un cartello con spiegazioni del posto, sia dal punto di vista naturalistico che storico [di lì passava la linea gotica]. Da qui prendiamo a destra un sentiero che ci porta fino a una strada asfaltata che prendendo in discesa a destra ci porta fino  a Brento.
Con la macchina che Giovanna aveva portato alla trattoria di Brento, torniamo a prendere le altre macchine lasciate a Nova Arbora. A Brento abbiamo pranzato alla Vecchia Trattoria del Monte Adone. Con noi oggi c'era Lucia A.M che abita a Bologna. Una rimpatriata fra amici di vecchia data. 

CARTA:
ORE CAMMINO: 3   KM. 6,3
DIFFICOLTA: E
DISLIVELLO: m 299      ALTIMETRIA MASSIMA: m  642     ALTIMETRIA MINIMA: m 422


ALTIMETRIA

         
LA DEVIAZIONE PER IL M. ADONE E CAMBIATA COME POTETE VEDERE SOTTO IN COLORE CIANO . IN ROSSO LA VECCHIA