Montereggioni

mercoledì 15 gennaio 2020

2020 Strove Abbadia a Isola Montereggioni Strove

Questo percorso è stato fatto e descritto nel 2008 e nel 2016  ma è cosi bello e rilassante che viene voglia di ripercorrerlo. Vi ripropongo la descrizione già fatta con alcune correzioni d'obbligo.



APRI LE FOTO DEL 2020

APRI LE FOTO DEL 2016


Come arrivare al punto di partenza da Firenze:
Per arrivare a Strove, si prende la superstrada Firenze Siena, si esce a Colle di val d'Elsa sud, seguire le indicazioni per Montereggioni, Gracciano e di seguito per Strove e Abbadia a Isola.

Descrizione del percorso:
Lasciamo l'auto nel parcheggio di Strove e dopo una breve visita del paese (molto bello), prendiamo il percorso pedonale di fianco alla strada asfaltata in direzione Abbadia a Isola. Dopo circa cento metri attraversiamo la provinciale e prendiamo la strada in salita a destra per Castel Petraia, costeggiamo il borgo, al bivio successivo andiamo a diritto (segnavia francigena) lo percorriamo fino a trovare sulla destra un sentiero (segnavia francigena) che percorriamo immersi in bosco di querciolo e nella parte terminale in vigneti, fino a trovare una strada sterrata che prendendo a sinistra, in lieve discesa, ammirando i bellissimi muretti a secco che delimitano la strada, arriviamo a Abbadia a Isola.

Dopo aver visitato la chiesa (capolavoro romanico) e l'adiacente monastero, riprendiamo il cammino fra le case e con un sentiero che costeggia la provinciale lo seguiamo per cento metri circa e giriamo a destra per una larga strada di campagna tutta diritta immersa fra campi arati, evidenziando il tipico colore della "terra di siena bruciata". La percorriamo fino a passare delle case sulla sinistra e poco dopo, al bivio che si trova all'altezza di un allevamento di maiali, prendiamo a sinistra per stradello sterrato fino alla strada asfaltata, qui prendiamo a destra  attraversiamo la provinciale e prendiamo un viottolo pedonale. Poco dopo a sinistra uno stradello sterrato, in forte salita, ci porta al borgo fortificato di Monteriggioni.


Per il ritorno usciamo dalla porta senese, opposta a quella dell'arrivo, seguiamo in discesa la strada asfaltata che arriva in località Le scuole, qui prendiamo a sinistra la provinciale , l'attraversiamo e subito dopo a destra prendiamo la strada sterrata in salita ( segavia francigena), la seguiamo fra campi lavorati   fino al primo bivio sulla destra dove giriamo in un sentiero largo, ben segnato :via Francigena, Abbadia a Isola e segnavia 101 del cai.
lo seguiamo immersi fra vigne, alla nostra destra in alto Montereggioni. Proseguiamo in bosco di querciolo in leggera salita, e poi in discesa, fino ad arrivare di nuovo al bivio dell'allevamento dei maiali . Da qui seguendo a ritroso il percorso di andata, ritorniamo prima a Abbadia a Isola e infine a Strove.
Il percorso è molto bello immerso in vigne, bosco di querciolo, e monumenti storico-culturali di estrema bellezza e importanza sulla via Francigena. 
Cliccando sulle località evidenziate potete aprire i collegamenti.... per saperne di più.

Video 3D del percorso

mercoledì 8 gennaio 2020

2020 Legri - M.Gennaro - Fisciano - Legri




DESCRIZIONE

Arrivati a Legri lasciamo l'auto al cimitero [wp01 km. 00] e prendiamo la strada asfaltata in direzione del lago. Percorsi 340 m  giriamo a sinistr [wp02 km. 0,340] segnavia n.8,fare attenzione perche le segnalazioni CAI sono a terra (pare che ci sia dei problemi con i proprietari di Volmiano?), attraversiamo il Torrente Marinella e continuiamo in salita fino a trovare Volmiano [wp03 km.1,5]. Continuiamo con strada sterrata e arriviamo a Mattiano [wp04 km. 4,2], giriamo a destra sempre in salita per circa 500 m fino a trovare il segnavia CAI 00 siamo sul crinale [wp05 km. 4,5]. Non ci resta che seguire il bel crinale panoramico fino a un bivio che prendiamo a destra [wp06 km. 5,4]. Proseguiamo sempre in crinale e dopo due chilometri circa arriviamo sul M. Gennaro [wp07 km. 7,5]. Da qui iniziamo a scendere seguendo sempre il segnavia CAI 00 troviamo un bivio che prenderemo a diritto [wp08 km.8,6] e poco dopo giriamo a sinistra [wp09 km. 8,8]. Sempre in discesa a un'ulteriore bivio prendiamo a diritto [wp10 km. 9,8] e dopo altri 500 m circa giriamo a sinistra [wp11 km.10,3] siamo in loc. Fisciano. Proseguiamo ora sempre in discesa su strada asfaltata e non segnalata, toccando in seguenza le località: Palagio, Migliane e infine Legri con la sua bella Pieve [wp12 km. 12,4]. Ancora 600 m circa e siamo al cimitero [km 13,1]
Ore di cammino compreso soste 5:30.

Pieve di San Severo a Legri.
Le prime notizie risalgono al 983, quando la chiesa è menzionata nel luogo di Ligari come pieve, funzione che ha esercitato per secoli. La titolazione a San Severo, particolarmente caro ai Bizantini, sembra indicare un'origine ancora più antica. L'edificio ha un'impianto a tre navate originariamente concluse da altrettante absidi (quella sinistra è andata distrutta), spartite da due ampie arcate poggianti su pilastri a sezione circolare di altezza ridotta. Al di sotto del presbiterio, ma accessibile dall'esterno, è una piccola cripta. Tra le opere d'arte si ricordano l'affresco della seconda metà del trecento con San Jacopo, di Pietro di Miniato, e il Giudizio Universale con la Madonna e Santi, del XV secolo.



 

 


giovedì 19 dicembre 2019

2019 Grezzano Passo del Giogo.



APRI ALTRE FOTO

DESCRIZIONE

L'anello inizia dalla Chiesa di Santo Stefano [m.360 wp2]Grezzano dove è possibile lasciare l'auto (possibilità di 3 posti, oppure lasciare l'auto nella piazza grande del paese [m.350 wp1].
Dalla chiesa posta in alto, prendiamo la strada asfaltata a sinistra e la seguiamo sempre a diritto senza deviare a sinistra o a destra,  per circa 1800 m, dove sulla destra inizia il sentiero in salita n. 40. [m.470 wp5]. Dopo 400 m a un bivio continuiamo a diritto [m.542 wp6], e dopo 450 m incontriamo un ulteriore bivio dove proseguiamo sempre a diritto [m.590 wp7]. (da destra proviene il sentiero che viene dal rifugio Castellonchio).
Proseguiamo sempre in forte salita per altri 1200 m dove troviamo un punto panoramico con panchina [m.713 wp9]. Dopo una foto di rito ripartiamo e fatti circa 600 m dobbiamo guadare il torrente [m.730 wp10]. Poco dopo prendiamo a sinistra [m.754wp11]. Sempre in forte salita facciamo altri 600 m e finalmente siamo sul sentiero 00 di crinale [m.870 wp12], con tavoli adatti per uno spuntino. La salita sembrava finita ma non è stato cosi. 
1) Fatti pochi metri in piano sul sentiero 00 a un primo bivio sulla destra abbiamo preso in salita il sentiero n 38 o quello che doveva essere, perchè ci ha portato in una zona di ripopolamento alberi. La zona è stata completamente stravolta dai lavori e il sentiero non e piu visibile. Siamo saliti tenendo a sinistra la piantagione e in lontananza, in alto, abbiamo visto dei tavoli in legno, l'abbiamo presi come punto di riferimento e li sono riapparsi i segni cai del sentiero n.38. [m.920 wp13].
2) L'alternativa per trovare il sentiero in comodità sarebbe stato di evitare il primo bivio a destra, proseguire sullo 00 per circa 350 metri e prendere a destra, in forte salita, il sentiero 38 / UM che ci avrebbe portato ugualmente ai tavoli in alto, dove noi abbiamo ritrovato i segni.
Dai tavoli abbiamo seguito il sentiero n 38, che in questo punto è ancora in salita, e dopo 650 m circa a un bivio continuiamo diritto [m.960 wp14], a sinistra c'è il segnavia 38/A. Proseguiamo in discesa per 2200 m, troviamo un bivio e continuiamo a diritto [m.613 wp15] sempre sul n.38. Poco dopo arriviamo al rifugio Castellonchio, gestito da scout AGESCI. [m.597 wp16].
Dopo la sosta panino, ripartiamo e fatti circa 950 m in forte discesa, arriviamo auna strada bianca che prendiamo a sinistra [m.416 wp17]. Siamo a Case Risolaia. Proseguiamo fino a trovare la strada asfaltata che prenderemo a destra per portarci dopo 400 m alla vista di una bella cascata del fosso Rampolli [m.370 wp18]. Continuiamo sulla strada asfaltata passando in seguenza Villa Vecchia, Il Mulino e infine Grezzano.

VIDEO 3D DEL PERCORSO


DATI GPS







































SCARICA LA TRACCIA DA WIKILOC
Per scaricare la traccia da wikiloc bisogna creare un account.


lunedì 16 dicembre 2019

Cascate di Iguazù

Vi propongo questa meraviglia....per la gioia dei vostri occhi e non solo.Video effettuato in occasione del nostro viaggio in Patagonia nel 2009. 
Guido e Giovanna


mercoledì 11 dicembre 2019

2019 ROSANO anello

La fortuna di Firenze è quella di essere vista da ogni piccolo poggio che la circonda, basta salire un pò e il gioco è fatto. Uno di questi "poggi" è l'Incontro con il suo bel convento.
Il percorso ci regala scorci e panorami indimenticabili.
Oggi il numero dei partecipanti è salito a 9: Paola e Renzo, Vera e Carlo, Manuela e Donato, Giovanna e Guido, e Massimo. 


percorso:
Rosano - San Prugnano - Poggio l'Incontro (convento) - Monasteraccio - Fattoria Moriano - Fattoria di Mitigliano - Castiglionchio - RosanoIl tracciato percorre alcuni tratti del sentiero AR (Anello Rinascimentale), il sentiero n.1, il n.00 e il n.3 del cai. 
Tempo di percorrenza compreso soste 6:30. km. 16

descrizione:
Iniziamo il percorso dal posteggio del Bar ristorante di Rosano, prendiamo la stradina che passa davanti al convento segnavia n.1 che in salita, seguendo i segni bianco rossi del CAI ci porta a San Prugnano (chiesa). Subito dopo alla strada asfalto prendiamo a destra e subito dopo a sinistra. Fatti 160 metri circa prendiamo la strada bianca a sinistra salendo ancora nel bosco di querciolo. Facciamo altri 150 metri circa giriamo a destra per sentiero arriviamo  a una villa la costeggiamo lato sinistro e rientriamo nel bosco con sentiero. Percorsi altri 80 metri circa prendiamo lo stretto sentiero segnalato a destra e lo percorriamo fino a uscire fuori dal bosco. Ora siamo sul segnavia n.00 (panorami) che seguiamo fino a incontrare la strada asfaltata (crocifisso) che porta al convento. La seguiamo, incontriamo un primo sentiero sulla destra che evitiamo, al bivio successivo prendiamo il sentiero  a destra che in forte salita ci porta al muro del convento dell'Incontro (Madonna e Giuseppe con bambino). Prendiamo  a destra arriviamo al punto panoramico (ore 2,30 da Rosano). Dopo una breve sosta con merendino continuiamo aggirando  il muro perimetrale del convento fino a trovare sulla destra un largo sentiero (cartellonistica cai) che  in discesa ci porterà fino a un trivio,  cartellonistica che indica varie possibilità. Noi lasciamo il segnavia 00 che va a San Donato e prendiamo il segnavia n.3 continuando a diritto passando in seguenza le località Casignano (grande casolare), Monasteraccio (alto muro del vecchio monastero). Da qui continuiamo sempre dritti fino a trovare la strada asfalto che seguiamo a sinistra fino alla fattoria di Moriano. Da questo punto giriamo a sinistra sulla strada in discesa (segnavia n.3) inizialmente asfalto poi carrareccia  seguendo sempre i segni bianco rossi. Dopo un grande casolare (fattoria Mitigliano) scendiamo ripidamente su strada sconnessa fino ad attraversare il fosso Castiglionchio. Risaliamo per poco fino al casolare sulla nostra sinistra e seguendo la strada bianca arriviamo a un tabernacolo.Sulla destra possiamo entrare nell'Agriturismo fino alla chiesetta di Castiglionchio (chiusa). In questo caso ritorniamo sui nostri passi fino al tabernacolo e seguendo la strada asfaltata sulla destra in discesa ritorniamo a Rosano.
Articoli su alcune località. apri qui sotto per saperne di più:
Monasteraccio
Convento dell'Incontro

il video 3D del percorso, per motivi tecnici, calcola i km in difetto. I reali sono km 16




altimetria



SCARICA LA TRACCIA DA WIKILOC

Per scaricare la traccia da wikiloc bisogna creare un account.






Powered by Wikiloc