Monastero San Juan de la Pena Spagna

Monastero San Juan de la Pena Spagna
Monastero San Juan de la Pena Spagna

lunedì 31 marzo 2014

Elogio del camminare....

Domenica mattina 30 marzo 2014 Comunità dell'Isolotto Baracche Verdi.
Il mio, nostro contributo video all'assemblea sul'importanza del camminare....... camminare sulle grandi e lunghe vie di pellegrinaggio.





giovedì 20 marzo 2014

Vicchio....anello del Beato Angelico


Questo sentiero va a integrare i sentieri dei pittori Giotto e Cimabue precedentemente realizzati. 
Da piazza Giotto in Vicchio usciamo verso nord e giriamo subito a destra e poi a sinistra( apri cartina segno in rosso ), raggiunto il lago di Montelleri si prende una strada in salita, in breve si giunge in cima a una collina e si procede in piano, oltrepassata una villa si lascia la strada sterrata per una campestre sempre dritti, arrivati al bivio wp.004, si scende a destra nel bosco (attenzione il terreno ha subito uno smottamento ), si arriva a una pioppeta e si procede lungo un torrente al ponte si sale a destra per una breve e ripida scarpata raggiungendo la chiesa di Rupecanina, si prosegue sulla strada fino al bivio wp.007 prendiamo a destra per una campestre che scende lungo il margine di un bosco, giunti al bivio wp.008 si va a sinistra in salita rettilinea arrivando a Moriano casa natale del Beato Angelico, tornati al bivio wp.008 proseguiamo dritti per la vicinale fino a tornare in paese. Il percorso è stato segnalato molto bene dal C.A.I.
NB: la descrizione è su base dell'amico di tracce wikiloc Dariomi  ricorretta con i miei wp.






Dati gps: per scaricare la traccia vai su Wikiloc
o su Everytrail



giovedì 13 marzo 2014

Pelago giro delle Ville


Il percorso inizia da Pelago e come potete vedere dall'altimetria quì sotto non è da sottovalutare come impegno fisico. 
Il consiglio è di farlo ora o in primavera.


Ore cammino: 5 + soste
Difficoltà: facile
chilometri 15,5
Dislivelli totali: in salita 578  in discesa 204
                     
Wikiloc ...Morino per scaricare la traccia gps

La descrizione, a parte alcune note personali, sono state prese dal sito dei nuovi percorsi di  Toscana sentieri Pelago .
Apri il collegamento.





Descrizione:
Lungo itinerario ad anello, molto esposto al sole, indicato per i periodi più freschi. Il percorso più logico, con la discesa concentrata al ritorno, consiglierebbe la partenza da Fontisterni. Qui preferiamo descrivere il tracciato con partenza da Pelago, per la presenza dei servizi: alimentari, bar.....  Una valida alternativa può essere anche la partenza da Paterno (negozio alimentari e forno).
Si parcheggia nei pressi del centro storico di Pelago e si entra a piedi nel borgo castellano, caratterizzato dall'ampia piazza del mercatale, in lieve discesa. Arrivati sul fondo, si prende a Nord il vicolo e le successive scale che scendono al vecchio ponte sul Vicano. La strada, già segnata come sentiero n. 11, porta ad attraversare la provinciale (attenzione al traffico) per poi salire sulla strada in cemento, che ci porterà a Villa Gràssina seguendo il sentiero n. 13.

Dopo la Villa, si sale ancora per poco sulla strada, per poi piegare decisamente a Nord, sul sentiero che ci porta, per campi e boschi, verso la Casa di Certina. Prima di arrivare alla casa, prendiamo il sentiero 14A (Sud) che porta in breve al borgo Ristonchi, dominato dal torrione medievale. Si scende ora sulla strada in direzione Sud, sempre più ampia, fino a sfociare sulla strada asfaltata che prendiamo a sinistra verso Paterno. Poco dopo lungo la strada provinciale prendiamo uno stradello a destra in discesa passando  sopra la Villa di Paterno, per prendere poi il sentiero n. 6 che scende, sempre su asfalto, alla Chiesa di Pagiano e poi, diventando sterrata, sfiora la Villa di Melosa.

Il sentiero 6 passa ora nell'oliveta (richiudere il cancello), scende nel bosco in direzione Ovest, fino a raggiungere la strada per Fontisterni. Arriviamo in paese su asfalto, lo attraversiamo e prendiamo a Nord la strada segnalata col n. 16. per S. Lucia. La strada, parte sterrata e parte in asfalto, arriva al Colle, dove il sentiero 16 attraversa la strada Carbonile - Paterno. Noi continueremo sulla strada sterrata, arrivando di fronte alla Villa di Altomena. Da qui scendiamo verso Est sulla strada di mezzacosta, una sterrata che ci porta alla Casa della Pieve (maneggio). Poco dopo dobbiamo fare attenzione perchè il punto non è ben segnalato abbandoniamo la strada e il sentiero 16, per scendere verso il torrente Vicano col sentiero 16A, che passa sull'unico ponticello pedonale, vero elemento chiave di questo percorso.

Giunti sull'altra sponda del torrente, prendiamo il sentiero 11 in direzione Est a destra, che sale nel centro storico di Pelago.

Note: da Casa della Pieve ( maneggio ), il tracciato non ha molte indicazioni e i pochi segnali bianco rossi sono poco visibili.....arrivare al torrente non è facile, e al momento attuale e abbastanza  infrascato. Comunque in alto il campanile della chiesa di Pelago, visibile al di là del corso d'acqua, ci fà da punto di riferimento.

Visto sulla carta, al momento che nella descrizione si dice : Poco dopo dobbiamo fare attenzione perchè il punto non è ben segnalato abbandoniamo la strada e il sentiero 16, si può continuare per strada sterro fino a raggiungere la provinciale che prenderemo a sinistra per raggiungere Pelago. Questa alternativa è da verificare ma sicuramente allunga il tracciato.


Percorso panoramico molto bello.

 


sabato 8 marzo 2014

La Via degli Abati


Mi fa piacere aver contribuito con la Guida alla Via degli Abati a far decollare questo bello e storico cammino.
Fonti di monitoraggio dicono che nel 2013 ci sono stati 1500 passaggi e nel 2014 ci aspettiamo una significativa e numerosa presenza sulla via.
I media locali ne parlano di continuo. Se apri la foto puoi leggere l'ultimo articolo uscito sul giornale locale della Valtrebbia: "Libertà".
Buon cammino dal vostro..... "Il Pellegrino".





https://www.dropbox.com/s/absx0uer0vk91gy/LIBERTA%205%20MAR%202014pag%2032%20VdA%20si%20svela%20ai%20Pell..pdf