luna

luna

sabato 25 febbraio 2012

Passo della Calla - Poggio Scali...ciaspolata.

La traccia che lasci sulla neve immacolata è una cosa indimenticabile....ti fa sentire libero di passare dove vuoi creando un percorso tuo che metterai a disposizione di chi vorrà rifarlo attenuandone la fatica.
Ieri 24 febbraio 2012 descrizione...sommaria.
Lasciamo l'auto al Passo della Calla. A destra inizia il percorso che con il segnavia 00 GEA porta all'Eremo di Camaldoli.


In estate l'abbiamo percorso più volte ma in inverno mai.
Ai nostri occhi si presenta una situazione bellissima, più di un metro di neve tutta per noi. Mettiamo le nostre "ciaspole" e iniziamo a tracciare il percorso seguendo i segnavia CAI unici indizi del sentiero che coperto da tanta neve non è riconoscibile.
Dopo tre ore di salita arriviamo a Poggio Scali , e dopo una splendida visione panoramica e un panino torniamo indietro sulla solita traccia.

Dati GPS:
Lunghezza: 8,69 chilometri
Altitudine min:
 1.288 metri, max: 1.523 metri
Altitudine cum. salita:
 338 metri, discesa: 338 metri
Livello di difficoltà:
  Medio
Tempo:
  5 ore 40 minuti
Data:  febbraio 25, 2012
Ritorna al punto di partenza (anello):   Si
Coordinate: 473

Tracciato: 

giovedì 23 febbraio 2012

Ciaspolata lago santo parmense... invernale

Difficile descrivere le emozioni  che abbiamo provato ieri 22 feb.2012, al lago santo parmense.
La nevicata fresca, sulla già abbondante dei giorni precedenti, si è presentata ai nostri occhi come uno spettacolo inripetibile.
Silenzio... giochi di neve... ricami della natura.
Alla sella del Marmagna un forte vento che a malapena ci faceva stare in piedi, ci ha impedito la vetta classica con la croce. La montagna bisogna rispettarla e saper decifrare quello che in quel preciso momento ci vuole dire.... per questo siamo tornati indietro...con molta fatica.



Descrizione: 
Lasciamo l'auto al parcheggio, fuori dalla sbarra per Lagdei. Arrivati a Lagdei iniziamo nel bosco la impegnativa salita che  porta  al lago. Dal rifugio Mariotti lo spettacolo è assicurato piccola sosta per godere il panorama, poi iniziamo l'ascesa al Marmagna, prima inseriti nel bosco, poi allo scoperto sui prati sommitali della sella. Oggi come ho detto in precedensa il forte vento ci ha fatto arrivare a cinque metri dal segnavia della sella....poi da bravi montanari abbiamo deciso di tornare indietro...non è stato facile perchè le raffiche di vento ci impedivono di girarsi con le ciaspole e la neve sollevata  sferzava sulle nostre facce come sassate  accecandoci. 
Il ritorno è sulla solita traccia di salita.
Percorso:



Dati GPS:
Lunghezza: 7,98 chilometri
Altitudine min:
 1.203 metri, max: 1.758 metri
Altitudine cum. salita:
 567 metri, discesa: 567 metri
Livello di difficoltà:
  Impegnativo
Tempo:
  5 ore 28 minuti
Data:  febbraio 23, 2012
Ritorna al punto di partenza (anello):   Si
Coordinate: 527

domenica 19 febbraio 2012

Balzo delle Rose

Il Balzo delle Rose si trova in mezzo fra la Val di Luce (val di Pozze) e la strada del Duca, creando il crinale che dal Passo di Annibale crea il contrafforte di divisione con la strada del Duca. Per arrivare al "madonnino" bisogna scendere dall'Abetone verso Modena, passare Faidello, arrivare a Dogana Nuova e prendere il bivio sulla sinistra per Rotari. Saliamo fino al culmine della strada dove si trova il "madonnino" (piccola cappella).Scendendo si arriva a Rotari..


Tutto il resto non ha parole....lo propongo con le foto, e video.



sabato 18 febbraio 2012

Anello di Poggio Valicaia

Mercoledi 15 febbraio



L'itinerario inizia dal Vingone (Piazza grande) possibilità di parcheggio. Attraversiamo il ponte sull'autostrada A1. subito dopo prendiamo a sinistra per Casignano (strada asfalto).Passiamo le prime case di Casignano, al primo bivio prendiamo a destra. Arrivati a una grande casa, prendiamo a destra (via delle Cave). Continuiamo per strada sterrata fino a un bivio sulla nostra sinistra, lo seguiamo sempre in sterro (cancello aperto) fino alla cappellina di S.Zanobi. Proseguiamo a diritto fino a trovare una strada bianca, la prendiamo a destra. 


Poco dopo entriamo nell'ingresso del parco di Poggio Valicaia, seguiamo il sentiero che costeggia la recinzione del parco (via dei Valloni). Lo seguiamo fino a una strada asfalto, la prendiamo a sinistra e subito dopo a destra per sentiero. Seguiamo il sentiero fino a una strada asfalto(via dell'Arrigo) che prenderemo a sinistra. La seguiamo fino a trovare un trivio di strade (Pian dei Cerri), noi prenderemo per Roveta, seguendo l'asfalto fino a S. Maria a Marciola, la passiamo e in discesa la seguiamo fino a un bivio sulla nostra destra(via di Roncigliano).Seguiamo il sentiero fino a un bivio sulla destra 

(cartellonistica A.R), lo prendiamo fino alla strada asfalto S.P 98, che prendiamo a sinistra, seguendo l'asfalto fino al Vingone.
 
ALTERNATIVA: Al Pian dei Cerri si può prendere la S.P 98 a destra che seguendo ci porterà al Vingone accorciando notevolmente il percorso.

DATI GPS: 

Lunghezza: 16,57 chilometri
Altitudine min:
 49 metri, max: 341 metri
Altitudine cum. salita:
 398 metri, discesa: 398 metri
Livello di difficoltà:
  Facile
Data:
  febbraio 15, 2012
Ritorna al punto di partenza (anello):   Si
Coordinate: 1405

PERCORSO